Come scegliere una levigatrice orbitale e che modelli esistono

Come scegliere una levigatrice orbitale e che modelli esistono

Scegliere la levigatrice orbitale giusta è fondamentale per svolgere al meglio le proprie necessità. L’aumento del mercato del fai da te e la ricerca di una qualità costante nei risultati ha portato i produttori di levigatrici a sviluppare modelli in grado di assecondare le esigenze estetiche dei consumatori.

La levigatrice orbitale risponde sia all’esigenza di avere superfici lisce e senza sbavature che di mettere in risalto le caratteristiche del materiale utilizzato. Ma qual è la migliore levigatrice orbitale da utilizzare per ottenere questi risultati? Ecco tutto ciò che c’è da sapere per orientarsi nel mondo delle levigatrici e come scegliere una levigatrice orbitale.

Levigatrice orbitale come scegliere

Come scegliere una levigatrice orbitale? Prima di capire come scegliere la levigatrice orbitale più adatta alle nostre esigenze, chiariamo in cosa consiste questo strumento. Si tratta di un elettroutensile specifico il cui funzionamento si basa sulla vibrazione di una suola, che può avere forme diverse, da quella rettangolare a quella circolare, che compie cerchi di varia grandezza.

Il suddetto movimento abbinato ad una buona abilità manuale assicurano superfici perfettamente levigate che risaltano ad occhio nudo. L’ampia gamma di modelli di vari marchi professionali consente comunque di fare una scelta levigatrice orbitale consapevole a seconda dell’utilizzo che se ne deve fare, ma esistono anche altri modelli di levigatrici: a nastro, rotorbitali, palmari; da valutare a seconda delle necessità.

Quali sono le differenze tra queste levigatrici con quella orbitale? E quale tra loro è meglio scegliere per svolgere al meglio determinati lavori? Vediamo di fare chiarezza e di capire alcuni dettagli che ti aiuteranno a discernere le varie levigatrici e quale tra quelle orbitali fanno al caso tuo.

Differenza levigatrice orbitale o a nastro

La differenza sostanziale tra la levigatrice a nastro o orbitale sta nel funzionamento, ma anche nella modalità di utilizzo e nel lavoro da eseguire. La levigatrice a nastro viene utilizzata per la levigatura grossolana, come ad esempio per parquet, travetti, ecc. ed unicamente avanti e indietro.

E’ composta da due rulli paralleli su cui è posto un nastro di carta abrasiva, è potente e rumorosa, si utilizza con due mani ma può anche essere posizionata in un’unità fissa per levigare con facilità e rapidità i coltelli. La levigatrice orbitale è composta invece da una base oscillante e rotante ed è adatta anche per lavori di finitura.

Meglio levigatrice orbitale o rotorbitale?

L’utilizzo della levigatrice orbitale o rotorbitale varia in base a diversi fattori, ma in particolar modo è legato alla sua modalità di utilizzo. Sebbene rispetto a quella orbitale la levigatrice rotorbitale può avere moltissimi altri utilizzi rispetto a quello sul legname, e quindi può essere usata per levigare pareti di casa evitando di sprecare carta vetrata, può pulire tavoli e credenze e perfino levigare la carrozzeria, tuttavia non è uno strumento proprio semplice o immediato da conoscere. Per usare al meglio una levigatrice rotorbitale bisogna infatti essere esperti, mentre quella orbitale è più facile da utilizzare nell’immediato per chiunque.

Levigatrice orbitale o palmare?

La levigatrice palmare, anche detta a mouse o a delta, è composta da una piastra triangolare ideale per levigare angoli e bordi e qualsiasi altro punto di difficile accesso, mentre quella orbitale con la sua base rettangolare non consente di eseguire lo stesso lavoro. Tuttavia, proprio per venire incontro alle esigenze dei consumatori, esistono levigatrici con piastra divisibile, che possono essere utilizzate sia come utensile palmare che come utensile orbitale.

Levigatrice orbitale consigli per un migliore acquisto

A questo punto, dopo aver individuato le funzioni e l’utilizzo della levigatrice orbitale quale scegliere? Se seguirai tutti i consigli sopra indicati la scelta della levigatrice orbitale più adatta alle tue esigenze senza dubbio sarà più semplice. Grazie all’ampia gamma di modelli che trovi sul nostro shop puoi scegliere quale levigatrice orbitale comprare sia per il fai da te sia per lavori da professionista.

Ad ogni modo, un consiglio da seguire nella scelta per ottenere migliori performance è quello di privilegiare la potenza della levigatrice orbitale, necessaria per ottenere elevate prestazioni. Dunque, proprio per non perdere di vista questo obiettivo, devi scegliere un prodotto con la potenza giusta, relativa però al materiale da lavorare.

In genere non bisogna mai scegliere un prodotto che abbia un wattaggio al di sotto dei 750W, tuttavia, nel caso del legno e del compensato possono essere sufficienti anche 300 Watt. Invece, per altri materiali più resistenti puoi scegliere tra le migliori levigatrici orbitali con wattaggi più elevati, per cui, se sei alla ricerca di una tra le migliori levigatrici orbitali professionali non avrai dubbi su cosa scegliere.

Un altro fattore importante nella scelta di una levigatrice orbitale è la flessibilità e la maneggevolezza: se sei alla ricerca di qualcosa del genere scegli tra i modelli di levigatrici orbitali a batteria leggeri, con peso addirittura al di sotto dei 2 kg. Per ultimo, ricorda sempre di comprare anche gli accessori necessari per il funzionamento della levigatrice, che possono essere la carta abrasiva o la batteria di ricambio.

Vai all'articolo precedente:Come funziona una saldatrice ad inverter
Vai all'articolo successivo:Quale saldatrice inverter scegliere? I consigli per non sbagliare acquisto
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image