Smaltimento antigelo esausto: come farlo in modo sicuro

Smaltimento antigelo esausto: come farlo in modo sicuro

Lo smaltimento antigelo esausto rientra in quei rifiuti speciali prodotti da industrie, aziende, ma anche da piccole attività come le officine meccaniche, ritenuti pericolosi per la salute dell'uomo e per l’ambiente. Per smaltirlo in modo sicuro bisogna seguire una procedura ben precisa: vediamo come fare.

Liquido antigelo smaltimento

Il liquido antigelo serve ad impedire che i liquidi che circolano nel carburante, nel motore e nei tergicristalli si congelino. Questo liquido è dunque importantissimo per avere un motore sempre efficiente anche quando le temperature sono molto basse. Tuttavia, quando necessita di essere sostituito, bisogna agire con la massima prudenza, in quanto estremamente nocivo non solo all’ambiente, ma anche alla salute dell’uomo. Ecco come procedere per smaltire liquido radiatore antigelo:

  • Indossare dei guanti protettivi
  • Indossare una mascherina per non respirarne l'odore
  • Usare abiti lunghi e comunque integralmente che coprano il corpo
  • Versare il liquido esausto solo ed esclusivamente in contenitori adatti

Dove mettere antigelo

Per smaltire antigelo esausto bisogna procurarsi dei contenitori rifiuti speciali, realizzati appositamente per contenere questi liquidi e anche per smaltire liquido refrigerante. Questi contenitori devono avere delle specifiche caratteristiche per assolvere perfettamente a questo compito. Ecco come devono essere:

  • Resistenti e funzionali: i contenitori per rifiuti speciali devono essere soprattutto resistenti, pratici e funzionali, e devono poter contenere il liquido senza pericoli per l'uomo e l’ambiente. Non devono soffrire le intemperie e devono poter essere posizionati all'aperto direttamente anche su pavimentazioni comuni. Devono essere anche ben sigillati e assicurano assenza di infiltrazioni d'acqua.
  • Devono rispondere alle normative UE: un’altra caratteristica importante di questi contenitori è che devono rispondere ai requisiti previsti dalla UE, altrimenti si rischia di prendere multe pesanti.

I contenitori per rifiuti speciali hanno una struttura protettiva in acciaio adatta per lo stoccaggio temporaneo di rifiuti pericolosi e tossici. Sono anche dotati di una etichetta di sicurezza antinquinamento, sempre in base ai requisiti richiesti dalla normativa di riferimento.

Questi contenitori sono presenti in forme e colori vivaci, tali da attirare l'attenzione, così da renderli sempre ben visibili ovunque si trovino. Inoltre, grazie a sistemi di chiusura sofisticati, viene scongiurato ogni pericolo che si possano aprire accidentalmente.

Contenitori antigelo esausto

I migliori contenitori sul mercato per lo smaltimento liquido radiatore sono quelli realizzati in polietilene, composti da un doppio contenitore, uno interno a contatto con il liquido ed uno esterno più grande che lo ingloba del tutto e fa da vasca di contenimento per la sicurezza.

Nella parte superiore sono dotati di un ampio boccaporto con coperchio ribaltabile. All’interno si trova il cestello scolafiltri che si può togliere e il vano per mettere ed estrarre l'antigelo esausto. E’ possibile verificare direttamente dall'esterno del contenitore la quantità di liquido esausto presente, tramite l'indicatore visivo situato al lato del boccaporto che rivela il livello raggiunto. Per verificare è sufficiente monitorare l'intercapedine della vasca di contenimento della spia applicata ad essa.

Dove smaltire antigelo

Oltre che aver cura di mettere l’antigelo esausto in contenitori adatti, è anche necessario portarlo in luoghi appositi per poterlo smaltire. Infatti, è lì che avviene lo smaltimento vero e proprio, nei centri di riciclaggio che si occupano del trattamento corretto di questo liquido.

Per trovare il centro che tratta l’antigelo esausto bisogna consultare le normative locali riguardanti lo smaltimento del liquido, oppure gli enti che si occupano della tutela dell'ambiente del proprio comune. E’ anche possibile rivolgersi alla piattaforma ecologica e informarsi su come fare per il ritiro del liquido usato. In alcuni comuni sono gli stessi operatori a ritirare il fluido, o in alternativa danno le indicazioni su come procedere.

Altri punti di riferimento sono anche le stazioni di servizio e le officine meccaniche, che possono dare tutte le informazioni su come eseguire la procedura, oppure possono anche prendere il liquido per riciclarlo.

Vai all'articolo precedente:Come travasare il gasolio: quali strumenti usare
Vai all'articolo successivo:Cuscinetti a sfera: cosa sono e come funzionano
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta

AVVISO:  

Le consegne di MA.NÌ s.r.l. rimangono regolari in tutta Italia, senza limitazioni!

LoginAccount
Torna su
Cookie Image